Sostegno psicologico alla genitorialità

Il sostegno psicologico alla genitorialità non si concretizza meramente nel sostenere singolarmente la risoluzione di un disagio di uno dei genitori nella relazione con la nascita, l’educazione, la malattia, o la perdita dei figli. Questo perché la genitorialità non è da considerarsi come la gestione della famiglia dopo la nascita del primo figlio e quindi la sua educazione, il suo mantenimento, la sua salute ma come quell’insieme di credenze, metodi, strumenti ed emozioni che la Coppia come organismo attua e quotidianamente affronta per essere “Coppia generatrice” e poi “Coppia genitrice”.

La genitorialità quindi nasce prima dei figli e si evolve quotidianamente in un rivedere, modificare, consolidare il sistema complesso che la determina e caratterizza.

Tale tipologia di sostegno quindi si può considerare utile già all’atto della decisione di diventare genitori, per affrontare con serenità l’intero periodo della gravidanza, gestire in maniera efficace eventuali situazioni problematiche, predisporre un ambiente relazionale salubre al nascituro, ma anche saper reagire in maniera non distruttiva al dolore di una eventuale perdita.

Il valore del sostegno dopo la nascita è quello di permettere la strutturazione di un confine, tra la Coppia genitrice e l’infante, che sia però permeabile, permetta che ci sia vicinanza, comprensione e capacità di fornire un sistema di regole condivise tra i genitori e coerenti nella loro applicazione, che permettano al bambino di crescere senza sviluppare sentimenti di confusione ed insicurezza, certo del suo ruolo all’interno della famiglia, sicuro di sé quando verrà il momento di iniziare una sua vita esterna alla famiglia stessa.